La mobilità sostenibile è uno dei tasselli del futuro che contribuirà anche a vivere un turismo differente. Anzitutto, è nostra intenzione attivare subito uno strumento di pianificazione della mobilità urbana – ma anche extraurbana per il collegamento delle periferie (pensiamo ad uno stabile collegamento tra le aree extraurbane – Fontanelle, Alimini-Frassanito, Sant’Andrea e la città).

L’azione amministrativa punterà in ogni caso sul rafforzamento delle ciclovie e del bike sharing, ma anche del car sharing, specie quelle elettriche e rafforzando tali iniziative favorendo una nuova gestione da parte di gruppi di giovani. In particolare si punterà ad iniziative concrete con:

  • realizzazione di uno o più punti di ricarica auto elettriche in aree a parcheggio in zone strategiche dell’abitato;
  • realizzazione di uno o più punti di ricarica biciclette elettriche in aree a parcheggio e/o pedonali in zone strategiche dell’abitato;
  • sperimentazione e realizzazione, in accordo con i privati interessati, di un sistema di bike sharing e car sharing che metta in connessine la città con i punti nodali del sistema turistico otrantino (villaggi, masserie, alberghi).

Ma l’obiettivo strategico è orientato ai giovani, per consentire all’imprenditoria locale di aprire degli spazi per il noleggio delle biciclette.

Pensiamo anche alla creazione di un’App liberamente scaricabile per mettere in rete tutte le aree a parcheggio di Otranto e fornire in tempo reale le disponibilità di posti e le zone in cui si trovano.

Inoltre, nei periodi e nei giorni di punta (fine settimana e luglio-agosto), puntiamo all’adozione di un sistema parcheggi a fasce di prezzo crescente dall’esterno verso l’interno della città, e con aree di scambio all’esterno servite da navette.

Condividi:

Scarica e Stampa:

CONTATTI

NEWS & EVENTI

@2017 Tutti i diritti riservati.